Sistemi Galleggianti/ porta da Beach Waterpolo

Porta da Beach Waterpolo

Asian Beach Games, Muscat, Oman, 2010

La Porta da Beach Waterpolo

La Beach Waterpolo è pallanuoto più “piccola”, che elimina il cronometraggio e inserisce il concetto del gioco a set. Le regole sono semplificate e le dimensioni del campo da gioco (m.t. 15 x 11,50) e delle porte sono ridotte.
La porta misura 2,50 X 0,80 metri.

Al passo con i tempi

Un campo da gioco più piccolo vuole porte più piccole. Sistemi Galleggianti ha accompagnato la Beach Water Polo sin dalle sue origini. Siamo nati leader nelle forniture di attrezzature sportive galleggianti.

Note sulla qualità dei profilati

Informazioni

I profilati usati da Sistemi Galleggianti, realizzati dalla Metra Spa, sono  tra i migliori disponibili sul mercato, come attestano le seguenti certificazioni.

  • tutti i profili vengono verniciati secondo il processo qualitativo QUALICOAT e hanno il trattamento SEASIDE (trattamento per gli ambienti marini fatto in linea).
  • i profili verniciati con AL3000 (rosso) hanno inoltre  la polvere in classe 2 per ridurre la perdita di colore

Un po' di storia

Informazioni

Il primo Campionato Italiano di Beach Waterpolo (maschile e femminile) è iniziato nel 1995 è ha visto la partecipazione di un centinaio di affermati atleti italiani e stranieri, nonché l’adesione di numerose Società Sportive, di tecnici, arbitri, addetti ai lavori, oltre che di diverse Amministrazioni comunali che hanno ospitato gli eventi.
Il terzo Campionato nel 1998 diventa ” Coppa del Mediterraneo” e coinvolge quattro nazioni Italia, Francia, Malta e Monte Negro con squadre internazionali.

Caratteristiche - Beach Waterpolo

Informazioni
  • Porta realizzata a norma Pallanuoto Sempre
  • Luce interna specchio di porta 2,50 X 0,80 mt.
  • Ingombro totale 2,90 X 0,875 X 1,25 mt.
  • Specchio di porta tubolare alluminio 75 X 40 X 1,85 mm. di colore bianco
  • Base tubolare alluminio 80 X 40 X 3 mm. colore rosso
  • Accessori acciaio inox AISI 316
  • Galleggianti schiuma espansa a cellule chiuse densità 350 %
  • Peso 25 Kg.

Schede tecniche

Informazioni

Informazioni utili

spedizione & montaggio di una porta da Pallanuoto

Peso e Dimensioni della porta imballata

  • una porta da Beach water polo imballata pesa 25 kg.
  • Dimensione collo 2,50 x 0,25 x 0,30 mt.
  • Reggi-rete separati 1,45 x 0,45 x 0,15 mt.
  • le porte sono dotate di ciò che occorre per il montaggio (dotazione)

Nell’imballaggio troverete

  • 1 traversone base galleggiante – galleggianti destro e sinistro
  • 1 traversa specchio di porta – palo destro e sinistro
  • 1 tubo da 1,85 mt x 30 mm
  • una rete
  • i reggi rete sono in un altro pacco

Dotazione

  • Chiavino esagonale
  • Parti di rispetto
  • 2 perni da 16 x 8 ma
  • 2 perni da 45 x 8 ma
  • 2 perni da 70 x 8 ma
  • 2 perni da 78 x 8 ma
  • 2 boccole filettate 8 ma
  • 2 viti a brucola da ¼

Istruzioni

  1. Sistemare su una superficie piana la traversa, i pali destro e sinistro
  2. rimuovere le viti sulle placchette (vedi numeri)
  3. comporre la struttura
  4. innestare i pezzi e avvitare – non bloccare
  5. Ripetere la procedura per la base galleggiante
  6. Rimuovere i perni traversi in corrispondenza degli alloggi dei reggi-rete
  7. selezionare i reggi-rete dai numeri: 1 1 / 2 2 ; i numeri devono corrispondere con quelli riportati sulle placche di fissaggio
  8. Innestare il reggi rete e introdurre i perni del fissaggio
  9. Montare il tubo traverso negli alloggi dello snodo a T del reggi rete e procedete al fissaggio
  10. Serrare di tutti i perni

Un periodico serraggio dei perni è doveroso.
Si consiglia di sciacquare le porte con acqua dolce

Tutta colpa della Beach Waterpolo!

 

Nel 1995 nacque la Beach Waterpolo con l’idea semplice e rivoluzionaria di diffondere la pallanuoto a mare come attività di avvicinamento allo sport, ma anche come attività ludica per le attività balneari a supporto delle proposte di “intrattenimento” nell’ambito dello sviluppo turistico. Idea appunto solo apparentemente semplice perché richiese un enorme sforzo organizzativo, non solo delle attività dell’associazione, ma di tutto ciò che riguardava l’organizzazione strategica e tecnica delle tappe dei tornei e di tutto ciò che riguardava la comunicazione.

Altra esperienza unica nel mondo della pallanuoto, l’associazione Pallanuoto Sempre in collaborazione con Giacomo Forte alla regia, auto-produsse i servizi televisivi per RAI 3 Sport con un audience del 9%. 2 ore di diretta, in esclusiva, per ogni tappa dei gironi eliminatori di 2 giornate e le relative finali alle 15,oo di sabato e la domenica per 10 Campionati italiani maschili 6 Campionati europei e 7 Campionati femminili. Il materiale delle partite registrate era rimontato in differenti servizi e pezzature per la distribuzione di un notevole numero di emittenti Nazionali e Regionali diffuse per numerose ore di trasmissioni televisive.
Pallanuoto Sempre offriva alle emittenti i servizi a costo zero.
Le partite radiotrasmesse in diretta Nazionale da Radio Norba.
Anche per i giornali furono incaricati Mario Corcione e Francesco Grillone dell’ufficio stampa che promuoveva e informava diffusamente dei tornei.
Insomma niente fu lasciato al caso.

Vittorio Ercolano, convocato da Gualtiero Parisio, Presidente di Pallanuoto Sempre, dal primo Campionato italiano diventò l’anima di questa macchina organizzativa.

La Beach è stata fin dall’inizio un’esperienza che ha coinvolto atleti e amministrazioni locali che ospitarono gli eventi, che ha interessato i media ma soprattutto il pubblico che di fatto decretò la positività della proposta.
In pochi anni si organizzò un giro di tornei per tutta Italia ma anche in Ungheria Francia Montenegro e Malta con la partecipazione di squadre d’Italia, Francia, Ungheria, Russia, Spagna. (La Beach waterpolo nell’edizione di Muscat in Oman fu inclusa nelle discipline del the 2010 Asian Beach Games ) Nacque un format capace di muovere un indotto non indifferente e di creare un giro di sponsorizzazioni per un miliardo e quattrocento mila. L’idea poi di Pallanuoto Sempre di regalare un campo gara alle località che ospitavano le tappe, completò la realizzazione degli obbiettivi .
Dalla proposta alla sua realizzazione (campo piccolo, numero ridotto di giocatori, tornei per donne e bambini) furono affrontati diversi nuovi problemi in corso d’opera.

Uno di questi riguardava l’usabilità delle porte che fino allora erano solo quelle di 3 metri e, nel 1998, Vittorio Ercolano, studiò come perfezionare quelle già fortemente innovative inizialmente ideate da Ignazio Crivelli.
Sono nate così le porte (e poi SISTEMI GALLEGGIANTI) che, ancora oggi – anche con successive innovazioni – sono proposte sul mercato nei vari modelli e sono oramai presenti in vari paesi.
La Beach oggi è diventata in Italia una pratica sportiva diffusa e di tornei amatoriali e si può dire con soddisfazione che è giocata in tutto il mondo.

azione gol in una partita di brach water polo
partita di beach water polo con corsie galleggianti

Sistemi Galleggianti, ovvero l’arte per far giocare a pallanuoto

leggi l’intero articolo su: waterpoloitaly.com

"L'idea fu di Vittorio Ercolano, “uomo in più” di Pallanuoto Sempre, ed esempio lampante della genialità napoletana: le autocostruiamo. E così, quasi per gioco, s'inventò le porte smontabili".

Altri articoli

Corsie, tabelloni e altri accessori

Le altre attrezzature

Vai

Aquagol

Porte per gli under 13

Vai

Porta doppio specchio

Allenare due squadre insieme

Vai